ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Milano il design moderno di Luigi Caccia Dominioni ha conquistato il popolo del Salone

B&B Italia celebra il segno del grande maestro milanese attraverso la riedizione di pezzi iconici

Tribute To Luigi Caccia Dominioni. Installazione di B&B Italia al FuoriSalone 2018

In occasione della Milano Design Week 2018, nella Sala degli Affreschi dell’Umanitaria in via San Barnaba, B&B Italia ha presentato Tribute To Luigi Caccia Dominioni: un allestimento con protagonisti alcuni dei più celebri pezzi di design di Luigi Caccia Dominioni di cui l’azienda ha da poco siglato un accordo di licenza esclusiva. Per i veri appassionati del design d'autore, l'installazione è stato un appuntamento irrinunciabile del Fuorisalone 2018.

Luigi Caccia Dominioni, scomparso all’età di 103 anni nel novembre del 2016, fu architetto raffinato di edifici e residenze per la ricca borghesia milanese contraddistinti da un’articolazione spaziale complessa e dalla preziosità dei materiali; tra le sue opere più celebri ricordiamo Casa Caccia Dominioni in piazza Sant’Ambrogio (1949-1953), l’edificio residenziale  in via Nievo (1954-1955), l’edificio residenziale in piazza Carbonari (1960-1961), l’edificio per uffici in corso Monforte (1963-1964, dove al pian terreno è ospitato lo show-room di Flos) e Casa Geronazzo in via Tamburini (1960-1968).

Leggi anche: Un tour nella Milano di Luigi Caccia Dominioni

La scelta di B&B Italia di produrre le riedizioni degli arredi disegnati da Caccia Dominioni non è un’ operazione nostalgica: omaggiare i grandi maestri del design significa tessere legami con la storia del nostro disegno industriale e promuovere il design originale degli architetti che hanno segnato la modernità. Contemporaneamente si tratta di dare voce al gusto di chi sempre più spesso quei pezzi li ama al punto da volerli nelle proprie case accanto a mobili di designer contemporanei. Un trend diffuso sul mercato, testimoniato da binomi inscindibili tra brand e illustri autori, tra cui spiccano Molteni&C e Giò Ponti, Cassina e Le Corbusier, Zanotta e Carlo Mollino, Flos e i fratelli Castiglioni, Agape e Angelo Mangiarotti. Del resto gli oggetti del ‘buon design’ custodiscono un’essenza senza tempo, sono rappresentazione di un sapere artigiano ancora attuale e vivo.

Personaggio riservato Luigi Caccia Dominioni, dotato di un intelletto aristocratico, demiurgo di uno stile inconfondibile che contribuì al successo della cosiddetta Scuola Milanese. Ma cosa si intende per Scuola Milanese? Facciamo un breve salto nel passato per trovare le ragioni necessarie: agli inizi degli anni Cinquanta Ernesto Nathan Rogers, uno dei quattro architetti fondatori dello studio BBPR, è invitato da Vogue America a scrivere un articolo sul panorama creativo italiano. Rogers intitola l'articolo Milan, Design Renaissance: egli vede in Milano una città che ‘rinasce’ dopo la devastazione della guerra, una città in cui si sta diffondendo una forma di Neo-Umanesimo favorita da particolari condizioni uniche sul territorio italiano. 

La visione della ‘Scuola Milanese’ dipinta da Ernesto Nathan Rogers, a cui va riconosciuta l’invenzione di tale termine, racconta di un approccio al progetto che include teoria, tecnica e artigianato, discipline sviluppate dallo studio del pensiero di William Morris e Walter Gropius. Agli inizi degli anni Cinquanta l'attività di un nutrito gruppo di giovani architetti e designer milanesi (anche se il design non era ancora una disciplina ma solo un’ipotesi) coinvolge tutte le scale del progetto: dalla città alla componente d’arredo secondo una filosofia ed una sensibilità estetica desiderose di immaginare lo stile dell'homo novus.

Chi erano dunque questi protagonisti? Nell’articolo di Vogue compaiono i ritratti fotografici scattati da Irving Penn di Ignazio Gardella, Franco Albini, i BBPR, Marco Zanuso e poi lui, Luigi Caccia Dominioni che insieme ai colleghi Ignazio Gardella, Corrado Corradi Dell’Acqua e Vico Magistretti aveva già fondato nel 1949 Azucena, azienda artigianale di produzione di arredi per l’alta borghesia meneghina. 

Oggi gli arredi disegnati da Caccia Dominioni potranno riabitare le nostre dimore: a partire dal prossimo autunno B&B Italia riediterà, tra i vari pezzi, la celebre sedia Catilina in tre varianti contraddistinta da un’esile struttura in ferro ricurvo, il divano e la poltrona ABCD dalle linee neoromantiche, rivestiti in morbido velluto e muniti di ruote, le poltroncine Chinotto in cuoio dalla solida geometria, il divano e la poltrona Toro che rievocano lo streamlining americano degli anni Venti con l’originale dettaglio della lampada da lettura incorporata nello schienale, i pouf Cilindro squisitamente essenziali, il tavolino Fascia Specchiata in vetro e metallo che scompone la figura della spirale. Nell’eleganza naturale di Caccia Dominioni, nel cui stile si riconosce quella Milano operosa e discreta che del design ha fatto il suo più grande miracolo.

www.bebitlia.com


di Giovanni Carli / 23 Aprile 2018

CORNER

Salone Del Mobile collection

[Salone Del Mobile ]

Può essere il cemento leggero?

La storia di Forma&Cemento, nato da due giovani siciliani a Roma

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Tendenze letto al Salone 2018

Letti matrimoniali minimal, morbidi, funzionali e storici

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Il meglio del SaloneSatellite

I giovani del design si fanno i muscoli a Milano

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Superloft di design

Tour nella casa ideale di Giulio Cappellini al FuoriSalone 2018

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Come un arazzo

Vito Nesta firma Heritage, una nuova collezione di wallpaper

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Design Language Hotel

La Babele del design in scena al Nhow Hotel di via Tortona

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Raccontare Lina Bo Bardi

Nilufar Depot parte dai mobili per delineare una figura straordinaria

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Interferenze tra moda e design

Sperimentazione, piattaforme digitali e ritorni al passato influenzano la moda

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Superstudio Samurai

Il design giapponese visto quest'anno in via Tortona

Milano Design Week 2018

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web