ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Abbiamo fatto diventare leggero il cemento

Il sogno del cemento nel design di Giorgio La Corte e Carlo Rodriquez, fondatori del brand Forma&Cemento e responsabili della nuova vita di un materiale

mobili-di-cemento-forma-e-cemento

Giorgio La Corte e Carlo Rodriquez di Forma&Cemento

I mobili di cemento sono contemporanei? O sono solo il sogno sbiadito e nostalgico di chi ancora insegue il brutalismo?

Giorgio La Corte è di Siracusa, Carlo Rodriquez di Messina, sono amici di famiglia fin da piccoli. Il primo è ingegnere, il secondo ha studiato economia.

Entrambi si trasferiscono a Roma, hanno lavori già avviati ciascuno nel proprio campo, ma 4 anni fa, a 30 anni, decidono di cambiare rotta e si mettono in società. L’obiettivo, o meglio il sogno? Fondare un marchio di design dedicato al cemento.

Lo stand di Forma&Cemento in Fiera a Rho al Salone del Mobile 2018. È stato il debutto ufficiale sul mercato internazionale dell'azienda di Giorgio La Corte e Carlo Rodriquez. Foto di Mdcom 

L’idea e la passione  

"Ero a Milano per andare a trovare un amico all’ospedale dopo un incidente, mentre ero in metropolitana ho guardato i conci della galleria. Sono ingegnere strutturista e da quel giorno ho iniziato a pensare: bellissima la texture del cemento, chissà se qualcuno è riuscito a fare dei mobili in cemento? Ne ho iniziato a parlare ad amici e Carlo ha colto il potenziale business”, racconta Giorgio La Corte, portavoce del duo, che ammette essere il più chiacchierone.

Giorgio e Carlo iniziano a indagare, a vedere cosa potesse offrire già il mercato di "cemento e design", ma nulla, “abbiamo trovato solo progetti dove il cemento era ancora e sempre una zavorra, per stabilizzare gli ombrelloni o le lampade, c’era molto poco. Così ci siamo seduti, foglio Excel alla mano abbiamo visto i costi di produzione etc.", ricorda Giorgio. 

Era il 2011 e l’idea di fare davvero qualcosa di mai visto con il cemento seduce sempre di più, e sempre più concretamente i due amici. 

“Io sono figlio di due architetti, avrei voluto fare il designer ma mi è stato proibito. Ma poi non ho resistito: la stessa settimana che è nata mia figlia mi sono licenziato per inseguire il mio sogno… e quella stessa  settimana è arrivata la notizia che avevamo vinto un bando di 30 euro della regione, era destino! Sento ancora il peso sullo sterno e la responsabilità di quella decisione, se ci penso, ma dovevo farlo. Era un sogno che non potevo non inseguire! Continuavo ad accarezzare i pavimenti, i pilastri, le colonne, tutto quello che era in cemento… il tatto, la texture e la plasticità del materiale mi affascinano”, dice Giorgio.

Si parte

Dal sogno alla sua concretizzazione, dalle prime idee e chiacchiere al notaio. Nel 2014 Giorgio La Corte e Carlo Rodriquez fondano Forma&Cemento

"Siamo partiti in un garage di 20 mq, andavamo dopo i rispettivi lavori a colare cemento", dice Carlo, che all’epoca si occupava della parte finanziaria di un’azienda di tutt’altra pasta.  

Con il coinvolgimento di alcuni giovani designer amici, realizzano i primi prototipi e sperimentazioni per mobili e accessori per la casa in cemento, dallo sguardo leggero e linee di design. E pochi mesi dopo Carlo e Giorgio sono a Londra da Harrod’s a presentare lo sgabello Tadao in onore di Tadao Ando: "dai prototipo siamo arrivati a Tadao, nostro primo oggetto e penso quanto di più difficile abbiamo fatto ad oggi, perché è una  forma veramente complicata, una seduta singola di 11 kg, resistentissima".

Leggi anche: I mobili di cemento di Fernando Mastrangelo

E si forma il team ufficiale: Giorgio cura l’aspetto tecnico della progettazione e realizzazione, Carlo è più per far quadrare i conti e nominano direttore creativo il designer di prodotto e interni Valerio Ciampicacigli, che a sua volta invita altri colleghi e nomi a studiare i diversi pezzi di una collezione di arredi in cemento

Forma&Cemento al Salone del Mobile 2018. Foto di Mdcom 

La collezione e la leggerezza del cemento

Tavoli, sgabelli, accessori per la casa, da vasi a porta candele, da specchi da tavolo portagioie a vassoi e fermacarte, dai nomi spesso ispirati ad architetti e personaggi che hanno fatto un uso particolare di questo materiale, come Herzog (Herzog & de Meuron), Renzo (Piano)… Si gioca con gli abbinamenti e i contrasti, per esempio il cemento con il vetro soffiato a Venezia, cemento e briccola o cemento e metallo. 

"Quello che volevamo fare era ribaltare il percepito del cemento, cioè da un materiale povero e pesante farlo diventare leggero, sia stilisticamente che fisicamente. Abbiamo quindi studiato i materiali, le forme, ed ecco così il nome Forma&Cemento, che vuole richiamare la filosofia dell’azienda: riuscire ad alleggerire il segno e il peso del cemento. Il nostro quartiere generale è uno stabilimento a Roma, ma non è un cementificio”, dice Giorgio. 

Può il cemento essere leggero?

Il peso specifico è quello, ma si riduce al massimo lo spessore e l’immagine.

"L’ultima sfida che abbiamo provato a fare è un tavolo monolitico di 50 mm, dove non si vede un segno di giunzione, le gambe sono colate insieme al piano ed è spesso appunto solo 50 mm e pesa 90 kg", dice Carlo.

Tutto 100% Made in Italy e tutto personalizzabile al centimetro. "Siamo un po’ ortodossi, non so se sia una strategia vincente, ma non cerchiamo scorciatoie ma la massima qualità possibile, con lavorazione artigianale, ingegnerizzazione e ricerca sui materiali e sui colori. Rivestimenti per pavimenti o pareti dove misceliamo più colori insieme, non avremo mai una cementina uguale all’altra. Non possiamo competere con le industrie e le macchine di cemento in Vietnam per esempio, ma puntiamo sul valore spiccato dell’artigianalità, siamo l’unico brand che unisce design e cemento", dicono scambiandosi la parola a vicenda.

“Siamo sempre aperti a nuove sperimentazioni e a nuove collaborazioni, e anche i grossi nomi del design adesso iniziano a guardarci”, concludono all’unisono, scherzando “oggi abbiamo in 2 71 anni, così non sveliamo chi è il più vecchio di un pochino tra di noi!”.

Foto di Mdcom 

www.formacemento.com


di Caterina Lunghi / 15 Maggio 2018

CORNER

Salone Del Mobile collection

[Salone Del Mobile ]

Tendenze letto al Salone 2018

Letti matrimoniali minimal, morbidi, funzionali e storici

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Il meglio del SaloneSatellite

I giovani del design si fanno i muscoli a Milano

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Superloft di design

Tour nella casa ideale di Giulio Cappellini al FuoriSalone 2018

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Come un arazzo

Vito Nesta firma Heritage, una nuova collezione di wallpaper

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Design Language Hotel

La Babele del design in scena al Nhow Hotel di via Tortona

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Raccontare Lina Bo Bardi

Nilufar Depot parte dai mobili per delineare una figura straordinaria

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Interferenze tra moda e design

Sperimentazione, piattaforme digitali e ritorni al passato influenzano la moda

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Superstudio Samurai

Il design giapponese visto quest'anno in via Tortona

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Instagram lancia @design

E Ian Spalter, Responsabile Design Instagram, ci spiega che cos'è

Milano Design Week 2018

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web