ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Installazioni nei cortili e case storiche nel circuito 5VIE

Ecco gli indirizzi da non perdere in uno dei distretti più suggestivi del Fuori Salone a Milano

scopriamo-le-5vie-
Luca Privitera

Terza edizione e un programma sempre più ricco: il circuito delle 5VIE Art+Design è una meta da non perdere durante questa settimana del Salone del Mobile 2016 a Milano. Situato in una delle aree più antiche di Milano, tra le vie Santa Marta, Santa Maria Podone, Santa Maria Fulcorina, Bocchetto e del Bollo, è una di quelle zone in cui è piacevole camminare, tra antichi palazzi nobiliari, vecchi cortili e tante botteghe artigiane che hanno saputo mantenere il loro stile e la loro autenticità. Attraverso la creazione di una forte brand identity, sostenuta da intelligenti strategie di comunicazione, tutta questa area di Milano è stata interessata, da tre anni a questa parte, da iniziative culturali che ne hanno accentuato la forte connotazione artistica e artigianale. E oggi il distretto delle 5VIE mostra di essere cresciuto in termini di qualità e quantità, presentandosi alla settimana del design con un calendario fittissimo. Ecco cosa abbiamo visto in anteprima per voi e che vi consigliamo di non perdere.

Prima tappa: la mostra Herringbones della coppia, nell’arte e nella vita, Raw Edges allo Spazio Sanremo (Via delle fosse Ardeatine 3). I due artisti Yael Mer e Shay Alkalay continuano il loro percorso di ricerca sui colori, sviluppandone le infinite potenzialità. Nello spazio volutamente lasciato raw (un garage per le auto) la coppia espone i suoi lavori con un’installazione che è anche performance live.

© Luca Privitera

 

A pochi passi di distanza si trova invece la piccola ma molto luminosa Alson Gallery (Via San Maurilio 11), nella quale si può ammirare la mostra personale Living Metals di Gianluca Pacchioni. Artista poetico e allo stesso tempo abile artigiano, propone nuovi pezzi di assoluta eleganza in bronzo, rame e ferro, creati con la tecnica che lui chiama del metallo liquido.

© Luca Privitera

 

La terza tappa è nascosta in un cortile silenzioso, che profuma di glicine e nel quale sembra che il tempo si sia fermato. Qui si trova il Laboratorio Paravicini (Via Nerino 8), che usando tecniche ancora artigianali produce servizi di piatti interamente lavorati a mano, unici e preziosi. In occasione del Salone del Mobile 2016 vi si possono vedere piccole installazioni che sembrano animare i decori di alcuni piatti.

© Luca Privitera

 

Stesso cortile, ma atmosfera completamente diversa nello spazio occupato dall’azienda giapponese Karimoku (Via Nerino 8). Il gruppo, guidato dal direttore artistico David Glaettli, espone interessanti prototipi firmati Scholten & Baijings, un tavolo di Christian Haas e un progetto di Lucien Gumy. Il tutto presentato in uno spazio neutro, nel quale i mobili dialogano con le vivaci tele dell’artista koreana Chung Eun-Mo.

© Luca Privitera

 

Per chi ancora non ne avesse sentito parlare, è in trasferta nelle cantine e nel cortile del SIAM Società d’Incoraggiamento d’Arti e Mestieri (Via Santa Marta 18) il Museo della Merda. Con allestimenti volutamente essenziali, ma che interpretano un ideale percorso a ritroso nella storia, Luca Cipelletti e Gianantonio Locatelli espongono la loro amplia collezione, creata usando e rielaborando gli scarti dell’azienda agricola di Castelbosco (provincia di Piacenza): vasi, piastrelle e accessori per la tavola.

© Luca Privitera

 

Vi accoglie in un cortile trasformato in un campo di spighe Palazzo Litta (Corso Magenta 24) com la mostra A Matter of Perception: Tradition and Technology. Con uno speciale allestimento curato da Diébédo Francis Kéré si possono ammirare tante opere di nomi celebri, quali Michele De Lucchi, Formafantasna, Lanzavecchia+Wai e Jasper Morrison tra i tanti.

© Luca Privitera

 

Altro edificio storico, e solo di recente riaperto al pubblico, è il meraviglioso Palazzo Turati (Via Meravigli 7). Tra migliaia di tulipani fatti arrivare apposta dall’Olanda e la bellezza degli affreschi che decorano le sale, con la mostra Masterly – Dutch in Milan si possono scoprire le opere di diversi artisti olandesi, scelti dalla curatrice Nicole Uniquole.

© Luca Privitera

 

Si intitola invece Ladies & Gentlemen un’altra mostra, a cura di PS e galleria Secondome e allestita in una storica casa milanese (Via Cesare Correnti 14). In un dialogo continuo tra artigianalità italiana e la suggestione di antiche stanze decontestualizzate, si scoprono i lavori di Servomuto e TO.DO., Studiopepe, Cristina Celestino per Bottega Nove, oltre che i tappeti dello Studio Hentzel e i mobili scultura di Stefano Marolla. Il tutto perdendosi piacevolmente in un labirinto di stanze colorate.

© Luca Privitera

 

E per concludere in bellezza, si arriva infine in una delle piazze più antiche e meno conosciute di Milano: Piazza San Sepolcro. Nel sotterraneo della Biblioteca Ambrosiana una mostra, in collaborazione con Fondazione Cologni mestieri d'Arte e Yoox, ha riunito celebri designer italiani, giovani talenti e i più abili artigiani per creare una piccola collezione creata con antiche e rare tecniche artigianali.

© Luca Privitera

www.5vie.it


di Maria Chiara Antonini / 13 Aprile 2016

CORNER

Salone Del Mobile collection

[Salone Del Mobile ]

Classico e contemporaneo

Le nuove collezioni di Provasi al Salone del Mobile di Milano

milano design week 2017

[Salone Del Mobile ]

Una casa al massimo

Lamborghini con Karim Rashid e Riva 1920

Milano Design Week 2017

[Salone Del Mobile ]

Tornano gli anni ‘50

Revival al Salone del Mobile con i nuovi arredi Porada

milano design week 2017

[Salone Del Mobile ]

Il marmo di Anastassiades

La pietra naturale di Salvatori tra arte e design al Fuorisalone

Milano Design Week 2017

[Salone Del Mobile ]

Il giardino di DIMORESTUDIO

L’outdoor di Britt Moran ed Emiliano Salci al Fuorisalone 2017

Milano Design Week 2017

[Salone Del Mobile ]

Massima libertà!

Brezza di fantasia da Cappellini. A tu per tu con il suo Direttore Creativo

Milano Design Week 2017

[Salone Del Mobile ]

Dormire con stile

Dal Salone del Mobile 5 letti dal design moderno e finiture ricercate

Milano Design Week 2017

[Salone Del Mobile ]

Il Secolo Comodo

Oltre 100 anni di eleganza firmati Poltrona Frau

Milano Design Week 2017

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web