ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ristrutturazione low cost per un locale a Pechino

Robot 3 Studio ha disegnato per Metal Hut – Lucky Bar con un sistema di pannelli in metallo illuminati che crea un effetto raw

ristrutturazione-low-cost-metal-hut-pechino
Deng Xi-Xun

Pannelli ondulati di metallo e un sistema di luci LED rense arioso questo piccolo locale di Pechino, ristrutturato da Studio Robot 3 con un intervento low budget.

Una ristrutturazione low cost che gioca con pannelli di metallo e lampade di design per ripensare il locale Metal Hut – Lucky Bar a Pechino. Questa metropoli, sempre più cosmopolita e vivace, sta vivendo negli ultimi anni un intenso moltiplicarsi di nuovi progetti architettonici, insieme a interessanti lavori di recupero edilizio. Uno di questi interventi di riprogettazione è stato commissionato a Robot 3 Studio.

Tutte le foto: Deng Xi-Xun  

Il progetto sin da subito si presentava con due grandi limiti, o sfide, a seconda di come li si considera. Prima di tutto la zona nella quale si trovava il locale interessato al progetto di riqualificazione. Il distretto di Changping è il classico quartiere, come ce ne sono tanti nelle grandi città, situato al limitare tra l’area più esclusiva e cara della città e la zona invece più popolata, abitata dalla classe operaia. La linea di confine non è ben delineata, e Robot 3 Studio ha voluto considerare questo “non luogo” come un’occasione per personalizzare una nuova zona della città, con un progetto dalla forte connotazione stilistica e decorativa.

 

La seconda sfida iniziale era riassunta nel classico binomio che in architettura non suona mai bene: spazio ristretto- budget ridotto. Ma anche in questo caso lo studio vi ha invece colto una sfida stimolante, proprio perché difficile e non scontata. Per far sembrare il locale più grande dei suoi effettivi 52 metri quadrati sono stati eliminati i pannelli sul soffitto che coprivano le tubature. Il risultato ottenuto è un ambiente più arioso, dallo stile raw e più moderno. Come elemento decorativo, e che ha richiesto un ridotto investimento economico, tutte le pareti e una parte del soffitto sono stati rivestiti da pannelli di metallo ondulato galvanizzato, che creano un piacevole effetto prospettico, giocando con i volumi e con i diversi riflessi della luce durante il giorno. Con lo stesso materiale è stato poi rivestito il piccolo bancone posto all’ingresso del locale, reso singolare da un cilindro ritagliato sul ripiano dal quale sbuca il tronco di un albero vero.

 

Infine, per illuminare uno spazio così ridotto, Robot 3 Studio ha optato per un sistema di luci al led sapientemente disposte sulle pareti di metallo, così da riverberare in maniera piacevole i pannelli ondulati, insieme ad alcune lampade dal design minimal sospese sopra i singoli tavolini del locale.

www.robot3.com


di Maria Chiara Antonini / 26 Agosto 2016

CORNER

Speciale BJDW collection

[Speciale BJDW]

Pechino da non perdere

Alla scoperta della città, fra hotel, ristoranti, negozi, gallerie

Extra

[Speciale BJDW]

Arredare coi fili d'acciaio

Un ristorante a Pechino con pochi materiali di grande effetto

Beijing Design Week 2016

[Speciale BJDW]

Caffé e guest room a Pechino

34 mq nella città proibita trasformati in B&B da Office AIO

Beijin Design Week 2016

[Speciale BJDW]

Nichetto firma un design store

Il design italiano apre a Pechino lo showroom di design ZaoZuo

Beijing Design Week 2016

[Speciale BJDW]

Come una casa da tè

A Pechino, il legno crea un gioco di semitrasparenze

Case in Legno

[Speciale BJDW]

La rinascita di Baitasi

La design week di Pechino nel quartiere della Pagoda Bianca

Beijing Design Week 2015

[Speciale BJDW]

Jianzi Box by Spark Architects

Cina: volani colorati per il progetto di riqualificazione urbana

Beijing Design Week 2015

[Speciale BJDW]

Ai Weiwei. La mostra in Cina

A Pechino, l'omaggio dell'artista cinese all'architettura Ming

Beijing Design Week 2015

[Speciale BJDW]

La mostra-video OPEN ReAction

Cina: idee e progetti che migliorano il rapporto con gli edifici

Beijing Design Week 2015

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web