ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I 5 ristoranti dell'estate newyorkese, rigorosamente vista Hudson

Tre new entry e due grandi classici per godere delle migliori viste sull'acqua offerte dalla Grande mela

ristoranti-new-york

Mangiare a New York può essere una sorta di terno al lotto: su TimeOut ne hanno recensiti oltre 13.000, e di sicuro all’appello ne mancano tantissimi. Un buon punto di partenza può essere quello di scegliere il tipo di cucina, oppure la location. Dopo avervi consigliato 7 ristoranti di design (leggi anche→ 7 ristoranti a New York dove il design incontra il food) e 5 indirizzi per il sushi (leggi anche → 5 sushi da amare), siamo andati alla ricerca dei ristoranti che animeranno il waterfront di New York durante l’estate.

Sul Pier 81 c’è Hudson, uno yacht a tre piani che vi accompagnerà in crociera lungo il fiume servendo menù mediterranei a base di pesce mentre passate sotto la Statua della Libertà. “il posto perfetto per guardare il tramonto con un bicchiere di rosé” scrive JustOpened. Il fiore all’occhiello è la terrazza outdoor sul ponte superiore: oltre 250 metri quadri arredati con mobili imbottiti dallo stile moderno, come fosse un vero e proprio salotto open air. Il progetto di Andrew Franz vuole emulare i migliori rooftop del mondo, associando a una vista impareggiabile dettagli nautici come le barre in ottone, i divanetti imbottiti, i pavimenti in teak di recupero e le cabine esterne semi-private.

Un post condiviso da Alexandra Machover (@alexandramachover) in data:

 

La vista è il punto forte anche di Cantina Rooftop, rooftop bar di New York con un tetto completamente retrattile che si apre e chiude a seconda del tempo. Quando c'è il sole, scompare completamente, mentre d’inverno chiude la sala da pranzo senza oscurare la luce e la vista. All’interno, lo stile allegro e coloratissimo del Messico, cuscini dai toni vivaci, mobili in vimini e sedie in metallo dipinto dall’aria vintage. Il menu è un messicano rivisitato dallo chef Gonzalo Colin, perfetto per curare la “depressione invernale” scrive JustOpened.

Un post condiviso da ENSAH BOYZ ENT. (@ensahboyz) in data:

 

Al Riverpark lo chef Tom Colicchio ha collaborato con Sisha Ortuzar per un ristorante in stile New American con menù da 4 stelle secondo TimeOut da gustare seduti accanto alle finestre a tutta altezza con vista sull’East River. Qui i toni sono soft, giocati sulla scala di grigi nella terrazza e sui toni del legno all’interno, dove il grande bancone circondato da sgabelli color crema è il vero protagonista dello spazio.

 

Non è nuovissimo ma merita una menzione The District, quello che Gotham Magazine definisce come “la versione francese di Eataly”, un ibrido tra mercato e ristorante dove trovare tutto, dal croissant alle ostriche. Un tempio di oltre 2.000 metri quadri dedicati alla cucina francese e affacciati sull’Hudson. Lo stile è superchic, con sgabelli alti disseminati un po’ ovunque, tavolini in marmo e stile industrial che incontra i colori del cibo e dei fiori. Ogni corner ha le sue piccole variazioni sul tema, ma il soffitto con gli impianti a vista dona armonia all’ambiente.

Un post condiviso da Le District (@ledistrict) in data:

 

Chiudiamo con la storica harbour house di Buttery Park Pier A, un edificio in stile vittoriano di oltre 2.500 metri quadri da cui ammirare i migliori tramonti di Manhattan vista fiume since 1886 (in realtà la storia è molto più complessa, ed è andata di pari passo con quella della città, come racconta Panorama). Il primo piano è un open space dall’atmosfera conviviale, il secondo è più intimo, pensato per gustare la cucina della Hudson River Valley, con tanto di cocktail, mentre il terzo piano, che offre una vista impareggiabile su Lower Manhattan e lo skyline del distretto finanziario, è dedicato agli eventi speciali.

Un post condiviso da Pier A Harbor House (@piera_nyc) in data:

 


di Carlotta Marelli / 25 Maggio 2017

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Un colosso cambierà NYC

Una passeggiata immaginaria alla scoperta di Hudson Yards

Progetti

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Wright dietro le quinte

Una mostra al MoMA racconta i suoi tesori d'archivio

mostre

[Speciale New York]

Italiani in festa a Soho

New York si innamora ancora una volta del design Made in Italy

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

3 mostre a New York

Gli indirizzi del momento per i design-lover

mostre

[Speciale New York]

Design segreto

In visita nello spazio privato di The Future Perfect a NY

new york design week 2017

[Speciale New York]

American Style

5 tendenze made in USA per arredare casa e ufficio

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

A NYC l'arte incontra il design

3 performance live per la poltrona Re-Vive di Natuzzi Italia

new york design week 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web