ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

7 ristoranti a New York scelti da elledecor.it

Nella Grande Mela una selezione dei migliori spazi per cenare o bere un cocktail in ambienti di design

7-ristoranti-design-new-york-fred

Gli interni dal design moderno e minimal firmati dallo studio Steven Harris Architects per Fred al terzo piano del nuovo Barneys a Chelsea

In una città come New York che è la quintessenza del melting pot culturale, la scelta del ristorante e del tipo di cucina da esplorare è sempre un compito alquanto ardito. Abbiamo dunque selezionato sette luoghi culinari da visitare che spaziano dall’elegante brasserie francese nell'Upper East Side, all’atmosfera cubana di un ristorante a Downtown, alle proposte esclusive di celebri chef all’interno di un iconico building di Nolita con gli interni firmati da Murray Moss.

Nell’elegante quartiere dell’Upper East Side, sulla Park Avenue, nasce la nuova brasserie francese Vaucluse dello chef Michael White e Ahmass Fakahany del gruppo Altamarea (proprietari di ristoranti italiani tra cui Ai fiori e Osteria Morini). Gli interni raffinati disegnati dallo studio Meyer Davis prendono ispirazione dallo stile di un old chateau rivisitato in chiave moderna. 

Ispirato alle notti dell’atmosfera cubana con un menu di cucina fusion latina e asiatica messo a punto dallo chef cubano Luis Pous, Asia de Cuba è il nuovo ristorante di Jeffrey Chodorow che nasce nel cuore di downtown. Gli interni ispirati alle luci dello skylight notturno di Havana progettati dal designer Rafael De Cardenas sono caratterizzati da giochi cromatici di colore, luci soffuse, murales e pezzi d’arte creati da Evan Gruzis. 

Vandal è un ristorante dedicato alla street art con un menu di proposte ispirate allo street food provenienti da tradizioni etniche di luoghi disparati. Situato nel fervido e artistico quartiere del lower east side, e’ il nuovo progetto del gruppo Tao. L’arte firmata da sette celebri street artist fa da cornice agli interni suddivisi in una serie di sale e lounge labirintiche, dove si trova anche un flower shop e un giardino segreto che si affaccia sul cortile dove si trovano due murales di Shephard Fairey. Al piano di sotto la sala cocktail offre un design eclettico con le pareti blu cobalto e candelabri di cristallo.

Chefs Club è un progetto che nasce dalla collaborazione di Food&Wine Magazine e ChefsClub USA, con gli interni firmati Murray Moss. Situato nell’iconico Puck Building nel quartiere di Nolita, le tradizionali mattonelle a vista e le colonne in ghisa fanno da cornice a una grande open kitchen che propone un menu stagionale firmato dai piu’ celebri chef americani che offrono anche workshop e open studio. 

Freds apre la prima location a Downtown al terzo piano del nuovo Barneys a Chelsea con gli interni dal design moderno e minimal firmati dallo studio Steven Harris Architects. Il menu curato dallo chef Mark Strausman offre piatti innovativi e stagionali ispirati alla cucina italiana. Per la location di downtown viene offerta un’ampia selezione di succhi naturali e piccoli assaggi offerti ai clienti durante le ore di shopping. 

Il pluripremiato chef austriaco Eduard Frauneder apre una basserie viennese con gli interni disegnati da Florian Altenburg, ispirati alla Vienna dei primi del Novecento. I piatti tradizionali del menu austriaco di Freud si fondono con quelli american style. Il ristorante offre un’abbondante selezione di cocktail, molti sono creazioni dello chef provenienti dalle sue prime due location, la taverna Edi&The Wolf e il cocktail bar The Third Man (entrambi nell’east village). Gli interni sono caratterizzati da arredi vintage, divani in pelle, sedie thonet e dettagli in legno.

Situato nell’est village Alder è il nuovo progetto dello chef Wylie Dufresne con gli interni firmati dall’architetto Jennifer Carpenter caratterizzati da un decor minimalista e monocromatico, con il soffitto realizzato in legno riciclato e le mura di mattonelle bianche. Il menu ispirato alla metropoli newyorkese offre un mix di piatti con influenze asiatiche nella formula pub, in un’ atmosfera casual e informale. Tra i piatti tradizionali della casa “pigs in a blanket”: salsiccia cinese servita con la mostarda giapponese e una salsa dolce al peperoncino. Nella lista di cocktail piu’ popolari il “Love Oolong time” (tequila con 5 tipi di spezie, pompelmo e oolong).

SCOPRI ANCHE:
10 ristoranti di design a Milano


di Monica Mascia London / 19 Maggio 2016

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Un colosso cambierà NYC

Una passeggiata immaginaria alla scoperta di Hudson Yards

Progetti

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Wright dietro le quinte

Una mostra al MoMA racconta i suoi tesori d'archivio

mostre

[Speciale New York]

Italiani in festa a Soho

New York si innamora ancora una volta del design Made in Italy

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

3 mostre a New York

Gli indirizzi del momento per i design-lover

mostre

[Speciale New York]

Design segreto

In visita nello spazio privato di The Future Perfect a NY

new york design week 2017

[Speciale New York]

American Style

5 tendenze made in USA per arredare casa e ufficio

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

A NYC l'arte incontra il design

3 performance live per la poltrona Re-Vive di Natuzzi Italia

new york design week 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web