ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Illuminazione di design all'ICFF

Designer emergenti e studi poco conosciuti in Europa firmano alcuni dei più interessanti progetti di illuminazione

La nuova edizione dell’International Contemporary Furniture Fair di New York ha offerto l’occasione di scoprire brand ancora poco conosciuti in Europa e giovani talenti emergenti. Tra le nuove proposte presentate nel capo dell’illuminazione, abbiamo selezionato questi progetti, firmati da designer molto creativi.

Si chiama Konrad Friedel, l’austriaco che per Rauminhalt ha disegnato la lampada Schalentier. Nasce dalla collaborazione tra l’azienda di Brooklyn Roll & Hill e Bec Brittain il lampadario The Twin Vise. In questo progetto si possono cogliere le influenze degli studi di design indutriale e di filosofia compiuti dalla designer, sempre sensibile anche al lato estetico ed evocativo dei suoi lavori. L'artista Pablo Pardo invece ama farsi chiamare artigiano, più che designer. Lavora ancora tutto a mano nel suo laboratorio e ha presentato la sua nuova lampada Lana.

Stile essenziale per la lampada Bendies di Lekha Washington, famosa attrice di Bollywood, che ha rispolverato la sua laurea in design fondando lo studio di progettazione Ajji. Vocazione eco-friendly per Ambiance Studio, con sede a San Salvador. La lampada Colmena, tutta in legno riciclato, ha forme asimmmetriche ed è ideale anche per il contract. Stesso approccio legato al rispetto della natura e al ritorno alla manualità artigianale per Riley McFerrin. Fondatore dello studio Hinterland Design in Canada, ha proposto a New York la lampada Dendera. Infine, vi segnaliamo Andrew Neyer, di Cincinnati. La sua lampada Goodnight riassume la filosofia del designer: creare oggetti minimal, ma anche divertenti.


di Maria Chiara Antonini / 20 Maggio 2014

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Festa di gesso tra i grattacieli

The Theater of Disappearance, un banchetto scultoreo e metafisico in cima al MET

installazioni

[Speciale New York]

You must be kidding!

Un'incredibile penthouse apre i battenti a NYC

progetti

[Speciale New York]

Una nuova Times Square

Snøhetta trasforma la piazza-icona in una gigantesca area pedonale

progetti

[Speciale New York]

Primavera a NY

Tutte le location imperdibili per sentirsi in un film, anzi, 10!

itinerari

[Speciale New York]

Sul carosello dei pesci

A New York una scenografica giostra contemporanea

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Un global creative center

Spring Place è un centro creativo multidisciplianre a New York

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

New York: i nuovi design store

Gli indirizzi da non perdere selezionati da elledecor.it

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Un modello di city living

The Line apre a New York e a Los Angeles una boutique-abitazione

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Architettura o scultura?

L'artista Richard Serra in mostra alla Gagosian Gallery a New York

New York Design Week 2016

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web