ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Total white per una casa-studio a New York City

Il restyling di una vecchia tipografia del 19°secolo arredata con icone di design

La maquette in legno di uno spazio total white firmato Diane Lewis è stata da poco acquisita dal Museum of Modern of Art. Chissà se un giorno anche i visitatori del MoMA guardandola potranno percepire quell’intensa emozione che ci ha travolto entrando in questo spazio, immediatamente consapevoli di trovarci in un’architettura d’interni che comprendeva in sé mondi e linguaggi straordinari, visibili e da scoprire.

In una giornata di sole i proprietari Beatriz Colomina, docente di Architettura e Founding Director of the Program in Media and Modernity alla Princeton University, e Mark Wigley, preside della Graduate School of Architecture, Planning and Preservation alla Columbia University, ci hanno accolto con spontanea amicizia, complici nel racconto fotografico, entusiasti nel descrivere quello che definiscono come uno degli ultimi esemplari di una specie quasi estinta: il loft newyorkese.

La loro casa è un unico volume d’aria con ampie finestre su due lati. Una grande scatola. Molto alta. Con pavimenti originali, colonne in ghisa del 19° secolo e nessun muro. Sono le quinte verticali mobili, che vanno da pavimento a soffitto, a definire gli spazi e la loro funzione e a essere essi stessi elementi d’arredo. Una soluzione progettuale senza i limiti di un’architettura domestica convenzionale.

Un tempo era una tipografia: ci sono ancora due blocchi di cemento in mezzo al pavimento che reggevano i macchinari più pesanti. Hanno l’aspetto di un tappeto, ma sono memoria dell’originario uso dello spazio. Racconta Mark: “Siamo entrambi scrittori e insegnanti, la nostra biblioteca è in continua crescita, abitare in una vecchia tipografia ci sembra un fatto naturale, la suggestione della macchina da stampa è sempre presente: nel loft viviamo in una perenne mescolanza di vita e scrittura, computer portatili ovunque. Lo spazio diventa una grande piazza dove possiamo cenare, incontrare studenti, amici e colleghi.

Sospeso in questo orizzonte c’è un enorme tavolo bianco, dove normalmente io e Beatriz ceniamo seduti in un angolo. È il nostro personale paesaggio”. Beatriz, spagnola dal fascino irresistibile, è una stimata storica e teorica dell’architettura, i suoi lavori sono stati tradotti in oltre 25 lingue. Attualmente sta preparando una mostra di pedagogia radicale per Monditalia per la Biennale d’Architettura 2014 di Venezia, il suo nuovo libro è X-Ray Architecture. Mark invece sta terminando un libro dedicato a Buckminster Fuller intitolato Bucky Inc. Architecture in the Age of Radio.

Mark dalla Nuova Zelanda, Beatriz da Barcellona hanno trovato a New York la qualità di vita ideale. “Dal momento in cui ti svegli senti che sei al centro dell’azione”, spiega Beatriz. “New York comunica un’energia continua (leggi anche → Speciale New York Design Week). Col tempo realizzi che questa energia non ti viene data dalla città ma è prodotta da te e da tutti gli immigrati che l’hanno costruita. New York è fatta di persone che cambiano velocità e direzione, che pensano e insieme formano un pensiero collettivo”.

New York con la sua unicità è anche al centro della filosofia progettuale di Diane Lewis, figura di spicco dell’architettura contemporanea che ha firmato il loft di Beatriz e Mark. La incontriamo il giorno dopo nel suo studio, raccolto, a Chelsea, affacciato su un piccolo giardino, e con lei scopriamo la genesi profonda del progetto.

“Nel 1976, quando studiavo alla Cooper Union e preparavo la tesi, ho vinto in premio un anno all’Accademia Americana a Roma”, ci racconta. “Affascinata dal Rinascimento, durante una visita al Palazzo Ducale di Urbino sono stata colpita dallo Studiolo e dalla Cappella Privata di Federico da Montefeltro, luoghi magnifici ma compressi, intimi e potenti, che solo un piccolo scalino separava da ambienti maestosi dalle proporzioni di una piazza. Questo contrasto, la dialettica tra la stanza chiusa, piccola scatola in un enorme spazio, è stato la fonte d’ispirazione principale per il progetto del loft di SoHo.

L’idea era di poter circolare nell’Ambulatorium aperto con la possibilità di chiuderlo attraverso elementi free-standing. Un luogo architettonico totalmente neutrale, domestico e insieme sociale, dove si può pensare di mettere un letto in una stanza di un centinaio di metri quadrati e di immergersi in un mare di vuoto con perimetri articolati come barriere prive di gravità”.

SCOPRI ANCHE:
Casa total white in stile industriale nella campagna spagnola
Villa total white a Pechino
Scandinavian Style: una casa total white in Danimarca
Villa total white in Portogallo
Un loft con interni total white


di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto / 3 Giugno 2014

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Primavera a NY

Tutte le location imperdibili per sentirsi in un film, anzi, 10!

itinerari

[Speciale New York]

Sul carosello dei pesci

A New York una scenografica giostra contemporanea

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Un global creative center

Spring Place è un centro creativo multidisciplianre a New York

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

New York: i nuovi design store

Gli indirizzi da non perdere selezionati da elledecor.it

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Un modello di city living

The Line apre a New York e a Los Angeles una boutique-abitazione

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Architettura o scultura?

L'artista Richard Serra in mostra alla Gagosian Gallery a New York

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Design da esploratori

Una mostra trasforma la Chamber Gallery in una stazione spaziale

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Design italiano a New York

Gli indirizzi dei brand nostrani protagonisti della Design Week

New York Design Week 2016

[Speciale New York]

Se questa è una sedia

La mostra alla Patrick Parrish per la New York Design Week

New York design Week 2016

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web