ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Vinateria, un ristorante bar a New York

Arredi vintage, materiali ecosostenibili e menu alternativi a South Harlem

Un nuovo indirizzo situato all'angolo tra la 119° strada e Frederick Douglass Blvd a South Harlem, New York, nasce dalla volontà del committente di creare uno spazio chic sfruttando il concetto di ri-uso creativo. Il ristorante/bar Vinateria combina, infatti, materiali, arredo e rivestimenti riciclati insieme alla creatività di designer e grafici che hanno saputo dare un particolare lustro al locale.

Il décor deriva dall'unione di diversi talenti dello studio Salty Labs fondato da Jonsara Ruth. Fritz Karch, collezionista e stylist, crede fermamente nella filosofia di arredare con oggetti vintage che hanno già un passato da raccontare. Per questo gli interior vantano sospensioni industriali, vecchi sgabelli in ghisa, complementi recuperai in mercati delle pulci locali e oggetti in vetro d'antan.

Le pareti sono state dipinte e decorate dall'artista Helen Quinn. Per minimizzare le emissioni tossiche di certi tipi di intonaci, sono state utilizzate finiture naturali bio come il gesso, e vernici al lime e latte che, tra l'altro, assorbono composti organici volatili dall'ambiente oltre che all'umidità e ai fumi della cucina. Molti i materiali riutilizzati. Il feltro, utilizzato come materiale di rivestimento, si è rivelato un materiale funzionale come fonoassorbente per il rumore.

Un altro artista, James Scott, ha trasformato i suoi disegni in pannelli di alluminio tagliati al laser: installanti sulle porte, proiettano giochi di luce all'interno del bar. È stata la designer Catherine Murphy a dirigere il progetto collettivo mentre si deve ai graphic designer Livia Di Mario e Paolo Agostinelli la grafica della scritta sulla facciata e l'artwork interno.


di Eugenio Cirmi / 25 Aprile 2016

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Un colosso cambierà NYC

Una passeggiata immaginaria alla scoperta di Hudson Yards

Progetti

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Wright dietro le quinte

Una mostra al MoMA racconta i suoi tesori d'archivio

mostre

[Speciale New York]

Italiani in festa a Soho

New York si innamora ancora una volta del design Made in Italy

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

3 mostre a New York

Gli indirizzi del momento per i design-lover

mostre

[Speciale New York]

Design segreto

In visita nello spazio privato di The Future Perfect a NY

new york design week 2017

[Speciale New York]

American Style

5 tendenze made in USA per arredare casa e ufficio

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

A NYC l'arte incontra il design

3 performance live per la poltrona Re-Vive di Natuzzi Italia

new york design week 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web