ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La prima penthouse di David Chipperfield a New York aspetta un acquirente

The Bryant, i tre piani disegnati dall'architetto inglese nel cuore della Grande Mela

david-chipperfield-penthouse-b-appartamenti-new-york-the-bryant
Miller Hare, courtesy of HFZ Cap

Lusso firmato David Chipperfield: se sognate una penthouse a New York potete stropicciarvi gli occhi, perché c’è un nuovo incredibile indirizzo in città. Dopo aver completato la costruzione della torre The Bryant, a Manhattan, Sir David Chipperfild ha annunciato che Penthouse B apre i battenti per un fortunatissimo acquirente.

Situata agli ultimi 3 dei 34 piani del palazzo di appartamenti a New York, dispone di circa 370 metri quadri a cui se ne aggiungono 120 tra loggia, terrazza privata con annesso solarium e wet bar. Tre camere da letto, tre bagni completi, due powder room e una cucina con intera parete a finestra. Una tra le residenze più esclusive della Grande Mela, situata nel suo cuore, nell’ultimo spazio edificabile a ridosso del Bryant Park, al 16 West 40th Street.

Vista mozzafiato grazie all’esposizione ovest, sud ed est, per una panoramica completa sullo skyline più bello del mondo e sul vicino Empire State Building.

L’idea per gli interni è di dare una forte connotazione materica, proprio come il palazzo stesso e la sua facciata. Angoli retti e materiali decisi che interrompono lo spazio aperto delle sue stanze, e si intonano col la vista sulla città scintillante.

Il caminetto in un imponente marmo Red Jasper è il centro del piano principale che si eleva fino alla sovrastante camera  da letto. Gli fanno eco la cucina, le rifiniture dei bagni e la vasca da bagno nel più classico marmo bianco italiano, nonché agli armadi in quercia. Luci non invasive, pareti libere, pochi colori in armonia per una penthouse che fa dell’eleganza e non dello sfarzo il suo tratto distintivo.

Si aggiungono tutte le comodità che una struttura di questo livello può offrire, come sauna, palestra, ristorante con priorità riservata, e soprattutto la vita frenetica di Manhattan qualche piano più sotto.

(The Bryant, a destra)

www.thebryantnyc.com

SCOPRI ANCHE:
 Zaha Hadid, in vendita il suo unico attico a New York
Il condominio di Tadao Ando a New York


di Stefano Annovazzi Lodi / 20 Aprile 2017

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Wright dietro le quinte

Una mostra al MoMA racconta i suoi tesori d'archivio

mostre

[Speciale New York]

Italiani in festa a Soho

New York si innamora ancora una volta del design Made in Italy

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

3 mostre a New York

Gli indirizzi del momento per i design-lover

mostre

[Speciale New York]

Design segreto

In visita nello spazio privato di The Future Perfect a NY

new york design week 2017

[Speciale New York]

American Style

5 tendenze made in USA per arredare casa e ufficio

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

A NYC l'arte incontra il design

3 performance live per la poltrona Re-Vive di Natuzzi Italia

new york design week 2017

[Speciale New York]

Nuova estetica americana

Tutto il meglio di Sight Unseen Offsite 2017 in 4 trend

New York Design Week 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web