ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

E se il Guggenheim fosse stato rosa? I segreti della prima archistar al mondo in mostra a New York

Frank Lloyd Wright at 150: Unpacking the Archive è la grande restrospettiva dedicata dal MoMA a Franck Lloyd Wright in occasione del suo 150 compleanno

mostra-frank-lloyd-wright-moma-new-york
Getty Images

In occasione del suo 150 compleanno il MOMA dedica una grande retrospettiva a Frank Lloyd Wright (nato l’8 giugno 1867 nel Wisconsin e morto nel 1959 dopo una vita segnata da trionfi architettonici ma anche divorzi, scandali), l'uomo che molti considerano il più grande architetto americano, il primo a poter essere considerato una vera e propria “archistar”.

Il titolo della mostra “Frank Lloyd Wright at 150: Unpacking the Archive” si riferisce al trasferimento degli archivi della Frank Lloyd Wright Foundation in Arizona al MoMA e alla biblioteca di architettura Avery della Columbia University, avvenuto nel 2012, così come allo sforzo di “spacchettare” i contenuti fisici e il significato di questo tesoro: circa 55.000 disegni, 125.000 fotografie, 285 film, 300.000 fogli di corrispondenza e almeno 2.700 manoscritti.

La parola chiave è “film”: Wright deve la sua fama di prima archistar grazie al suo stretto rapporto con i media e con la Tv in particolare. Tra le sue tante apparizioni televisive quella a What’s my Line?, con versione integrale disponibile su YouTube e quella del 1957 quando, all’età di 90 anni, fu invitato da Mike Wallace a raccontare il suo progetto per il Guggenheim (in costruzione in quel momento, verrà terminato 6 mesi dopo la sua morte). La conversazione fu così provocatoria e convincente, così rivelatoria sulle idee iconoclaste di Wright in fatto di architettura, ma anche di architettura e società, che venne invitato per una seconda puntata.

 
 

Ovviamente largo spazio è dedicato al Guggenheim di New York, con tutti i colori che Wright aveva contemplato per dipingere la sua struttura spiraliforme, tra cui il rosso, l’arancio e il rosa, oltre a un particolare marmo nero. Stratagemmi per rendere più pop l’edificio, circondato dallo skyline grigio di una città che odiava. Lo scrive Michael Kimmelman sul New York Times, riportando l’intervista di Mike Wallace: “Non è pianificato, è tutto una corsa all’affitto, ed è un grande monumento al potere del denaro e all'avidità”.

Le 12 sezioni della mostra, strutturate come un’antologia in cui ciascun capitolo indaga su un oggetto chiave o un insieme di oggetti provenienti dagli archivi della Frank Lloyd Wright Foundation, interpretati, contestualizzati e giustapposti con altre opere, cerca di stimolare l’indagine critica e il dibattito sul lavoro di questo straordinario architetto, raccontandolo agli esperti ma anche al pubblico generalista attraverso una dozzina di spettacoli interattivi.

 

Quella che questa mostra restituisce è l’immagine di un uomo estremamente contemporaneo, un uomo che studiò l’arte e gli artefatti dei nativi americani per lo schema decorativo del Nakoma Country Club, un campo da golf in Winsconsin, provando a definire un’idea di “americanità”.

La mostra curata da Barry Bergdoll vuole raccontarci un Wright internazionale, attraverso i suoi lunghi viaggi e i suoi rapporti con architetti e clienti in tutto il mondo: “Wright è intrigante perché è come tutti noi - è pieno di contraddizioni interne”, ha spiegato.

 

www.moma.org/

LEGGI ANCHE:
 Le 3 mostre di design a New York da non perdere
Cosa sta succedendo a New York?


di Carlotta Marelli / 12 Giugno 2017

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Un colosso cambierà NYC

Una passeggiata immaginaria alla scoperta di Hudson Yards

Progetti

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Italiani in festa a Soho

New York si innamora ancora una volta del design Made in Italy

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

3 mostre a New York

Gli indirizzi del momento per i design-lover

mostre

[Speciale New York]

Design segreto

In visita nello spazio privato di The Future Perfect a NY

new york design week 2017

[Speciale New York]

American Style

5 tendenze made in USA per arredare casa e ufficio

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

A NYC l'arte incontra il design

3 performance live per la poltrona Re-Vive di Natuzzi Italia

new york design week 2017

[Speciale New York]

Nuova estetica americana

Tutto il meglio di Sight Unseen Offsite 2017 in 4 trend

New York Design Week 2017

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web