ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Tra design e artigianato, alla scoperta del mondo di Thomas Feichtner

Ritratto di uno dei designer austriaci contemporanei più in voga. Alla scoperta del rapporto tra sapere artigiano viennese e tecniche industriali

Thomas Feichtner, uno dei designer austriaci contemporanei più in voga ci apre le porte del suo studio e del suo modo di concepire il design, tra sapere artigiano viennese e tecniche industriali

Tra design e artigianato: siamo andati alla scoperta del mondo di Thomas Feichtner a Neubau - nel settimo distretto di Vienna – dista pochi minuti a piedi dalla famosa Ringstrasse boulevard, la strada che circonda il centro della capitale austriaca. Conosciuto come il “quartiere più creativo della città”, è il luogo d’adozione di molti creativi: designer, architetti e fashion stylist.

 

Lo studio di Thomas Feichtner a Vienna

È qui che nel 1997 si è stabilito e ha aperto il suo studio il product designer Thomas Feichtner. “Ho sempre voluto vivere in mezzo alla folla” spiega Feichtner, aggiungendo che: “volevo far parte di questa comunità e attingere al suo spirito creativo. Il mio studio è sempre aperto a visitatori spontanei. Amici e colleghi fanno volentieri un salto per fare due fare chiacchiere o bere un caffè. A Vienna mi sento a casa.”

Prototipo della A-Chair, 2016

Feichtner è nato in Brasile, ma è cresciuto e si è formato in Austria. Ha studiato industrial design all’Università d’Arte e Design di Linz, prima di collaborare con importanti compagnie austriache e internazionali come: J&L Lobmeyr, la Vienna Porcelain Manufactory, Vitra, Absolut e Thonet.

 

La M3 Chair, disegnata nel 2011

Influenzato dalla storia della città e dai suoi diversi stili architettonici, Feichtner ha un particolare approccio al design. Convinto che non sia giusto “glorificare” l’artigianato, ma nemmeno lasciare che tante compagnie spostino la loro produzione in Estremo Oriente, agli inizi degli anni 2000 ha deciso di “cominciare a lavorare con le aziende viennesi che si trovano davanti alla [sua] porta e nella [sua] via”, per trarre vantaggio dall’incredibile patrimonio artigianale della città: dalla produzione di porcellana, vetro e argenteria all’ebanisteria.

 

Progettato nel 2009, lo sgabello Linz Hocker è fatto di plastica riciclata. Recentemente ne è stata prodotta una nuova edizione

Profondamente “locale” nel suo metodo creativo, che combina sapere manuale e tecniche industriali, Feichtner dichiara di essere “coinvolto nell’intero processo”, dal concept alla commercializzazione dei suoi oggetti. Il risultato è un linguaggio estetico in cui gli oggetti combinano funzionalità e una certa severità - rivelando tuttavia una certa passione per le curve generose.

 

Pubblicato nel maggio 2016, il libro Design Unplugged illustra l’importanza che gli schizzi a matita rivestono nel processo progettuale di Feichtner

Per quanto riguarda la Vienna Design Week, Feichtner riconosce l’importanza del festival negli ultimi 10 anni, poiché “invita la popolazione a scoprire la città sotto un’altra prospettiva” e aiuta a promuovere il design come “un connettore culturale tra designer, economisti, artisti e anche turisti”. In occasione della X edizione della Vienna Design Week, Feichtner presenterà la sua collezione Bols d’Or, realizzata con Jarosinski & Vaugoin - una compagnia austriaca specializzata nella produzione di argenteria dal 1847 - con la quale ha già collaborato nel 2014 per il set di posate No.192.

 

La collezione di vasi Bols d’Or, disegnata nel 2016 in collaborazione con Jarosinski & Vaugoin

 

La collezione Bols d’Or è esposta presso lo shop di Jarosinski & Vaugoin, al 24 di Zieglergasse, dal 30 di settembre al 7 di ottobre.

 

Basato su un’intervista con Thomas Feichtner.

 

www.thomasfeichtner.com
www.vaugoin.com


di Laura Drouet e Olivier Lacrouts / 6 Ottobre 2016

CORNER

Vienna Design Week collection

[Vienna Design Week]

Il senso del cristallo per Stallard

Nella Vienna barocca di Palazzo Belvedere le sculture di Patrick e Ian

Vienna Design Week 2016

[Vienna Design Week]

Alla scoperta di Vienna

24 ore nella capitale austriaca, accompagnati da Marco Dessì

Vienna Design Week 2016

[Vienna Design Week]

Metti il design in piazza

Cosa succede se i giovani creativi abbandonano i sentieri battuti?

Vienna

[Vienna Design Week]

Come ti trasformo il tumbler

Design, sabbiatura e foglia d'oro per trasformare un classico

Vienna Design Week 2016

[Vienna Design Week]

Dove nascono i progetti

Alla scoperta dello studio viennese di mischer’traxler

Vienna Design Week 2016

[Vienna Design Week]

Vienna da scoprire

Hotel, negozi, architetture e musei: gli indirizzi più cool della città

VIenna Design Week

[Vienna Design Week]

10 anni di design a Vienna

Il festival urbano austriaco festeggia il primo anniversario

Vienna Design Week 2016

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web